In rotta per un Codice europeo degli affari: Libro Bianco sul futuro dell’Europa, Commissione europea, 1° marzo 2017: L’Africa indica la via all’Europa

Ci riferiamo alle precedenti lettere di informazione www.ohada.com che presentano il progetto di Codice europeo degli affari.

Il giorno dopo l’ultima crisi greca dell’Euro, nel luglio 2015, un gruppo di giuristi africani ed europei aveva pubblicato sul sito www.ohada.com un appello affinché i paesi che condividono l’euro si ispirino al successo della riforma OHADA e addossino la moneta unica europea a un sistema di diritto commerciale unificato, che agisca da vettore della convergenza economica, fiscale e sociale indispensabile alla perennità stessa dell’Euro. (Leggi la lettera di informazione del 24 luglio 2015 ).

A seguito della pubblicazione di un inventario del diritto europeo commerciale realizzato da quattordici eminenti giuristi dell’associazione Henri Capitant, sotto l’egida della Fondation pour le droit continental, il quale inventario è arricchito della prefazione del Presidente Valéry Giscard d’Estaing, illustre protagonista della costruzione europea, e della diffusione di una nota di sintesi alle più alte istanze dell’UE e dei suoi grandi Stati membri, la Commissione europea ha asserito la necessità di realizzare un Codice europeo degli affari (leggere la nota di sintesi et la prefazione del Presidente Valéry Giscard d’Estaing).

Questa affermazione risulta dalla frase “Un gruppo di paesi lavora assieme alla definizione di un nuovo ‘codice di diritto aziendale’ comune, che unifichi il diritto societario, il diritto commerciale e altri ambiti correlati del diritto, per rendere più agevoli le operazioni transfrontaliere delle imprese di tutte le dimensioni” che figura alla pagina 21 del Libro Bianco sul futuro dell’Europa, riflessioni e scenari per l’UE27 all’orizzonte del 2025, pubblicato dalla Commissione europea il 1° marzo 2017 https://ec.europa.eu/commission/sites/beta-political/files/libro_bianco_sul_futuro_dell_europa_it.pdf .

Il progetto di Codice europeo degli Affari che si potrebbe definire come l’OHADA per l’Europa, è certamente una risposta particolarmente pertinente e adeguata alle sfide poste attualmente all’Europa dal Brexit, da un lato, e dal carattere incompiuto della costruzione monetaria europea, dall’altro.

Un gruppo di lavoro di eminenti giuristi europei intraprende oggi la redazione di questo progetto di Codice.

Possiamo essere soddisfatti ormai che l’Africa, a seguito del successo dell’OHADA, abbia indotto l’Europa a instaurare anch’essa, analogamente al continente africano, una dinamica continentale di unificazione del diritto commerciale, fattore di unità, di coesione, di maggiore e condivisa prosperità, e di pace.

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *